“Nel caso di specie, l'opponente mediante le dichiarazioni dei testi ha confutato le risultanze dell'accertamento ispettivo. Dal canto suo, l’INPS non ha fornito alcuna prova a sostegno della propria pretesa economica, mentre le dichiarazioni rese agli ispettori hanno valore di mera confessione stragiudiziale resa a terzi e dunque sono liberamente valutabili dal Giudice unitamente ad altri elementi di prova. Gli interrogati hanno demolito nel corso dell'istruttoria giudiziale le risultanze dell'accertamento ispettivo …” (Tribunale di Castrovillari, sez. lav., Giudice dott.ssa Anna Caputo, sentenza n. 94 del 07.03.2017)

 

Attachments:
FileDescriptionFile size
Download this file (Sentenza n. 94 del 2017.pdf)Sentenza n. 94 del 2017.pdf 812 kB

 

“Devesi accertare, in ordine ai fatti indicati, se la procedura di mobilità utilizzata dalla società resistente ex Legge 223/91 per il licenziamento collettivo da cui è stato interessato il … sia stata ritualmente rispettata. Bisogna rilevare che per accedere alla mobilità, l’articolato prevede di fatto la necessaria esistenza di alcune condizioni quali: le esigenze tecnico-organizzative dell’azienda; l’individuazione e la collocazione aziendale e i profili professionali dei dipendenti; l’ambito organizzativo in cui risultano gli esuberi …” (Tribunale di Castrovillari ex Tribunale di Rossano, Sez. Lav., Giudice Onorario Avv. Francesco Funari, sentenza n. 1248 del 06.12.2016).

 

Attachments:
FileDescriptionFile size
Download this file (Sentenza n. 1248 del 2016 Lic. Coll..pdf)Sentenza n. 1248 del 2016 Lic. Coll..pdf 1481 kB

 

“Secondo il giudicante, invero, va privilegiato, ai fini probatori, l'attestato del Centro per l'impiego, in virtù di esigenze pubblicistiche di certezza - conclusione cui si perviene valorizzando il dato normativo dell'art. 3 comma 2 del d. l.vo 297/02, che impone al lavoratore l'obbligo di presentarsi presso il Centro per I'impiego per dichiarare lo svolgimento di attività lavorativa in atto o pregressa, mediante autocertificazione. Quanto al superamento della soglia di reddito - continua - tale circostanza comporta l'impossibilità di mantenimento dello stato disoccupazione solo a partire dalla data di entrata in vigore del regolamento attuativo dell'art. 4 d. l.vo 181/2000 (e succ. mod., art. 5 d. l.vo 297/02), approvato in data 14.5.2007, con delibera regionale n.266/07, e modificato con DGR 668 dell'8.10.2007” (Corte di Appello di Catanzaro – Sez. Lav. sentenza n. 1284 del 14.07.2016 – Presidente Rel. dott.ssa Barbara Fatale).

 

Attachments:
FileDescriptionFile size
Download this file (Sentenza Corte di Appello Catanzaro n. 1284 del 2016.pdf)Sentenza Corte di Appello Catanzaro n. 1284 del 2016.pdf 3170 kB

“Com'è noto i verbali redatti dall’ispettorato del lavoro o dai vari funzionari degli enti previdenziali in tema di omesso versamento dei contributi, costituiscono prova idonea per legittimare il ricorso al procedimento ingiuntivo e fanno fede fino a querela di falso  per quanto riguarda la provenienza dal pubblico ufficiale che li ha redatti ed i fatti che quest’ultimo attesta essere avvenuti in sua presenza o essere stati da lui compiuti, con la conseguenza che, incombe all’opponente fornire la prova contraria. Invece, per le altre circostanze di fatto che il verbalizzante segnali di avere accertato nel corso dell’inchiesta per averle apprese de relato o in seguito ad ispezione di documenti, la legge non attribuisce alcun valore probatorio precostituito, neppure di presunzione semplice, ma il materiale raccolto dal verbalizzante deve essere liberamente apprezzato dal giudice, il quale può valutarne l’importanza ai fini della prova, ma no può attribuirgli valore di vero e proprio accertamento, addossando all’opponente l’onere di fornire la prova dell’insussistenza dei fatti contestatigli” (Tribunale di Castrovillari – Sez. Lav. Giudice dott.ssa Anna Caputo, sentenza n. 1224 del 22.11.2016).

 

Attachments:
FileDescriptionFile size
Download this file (Sentenza n. 1224 del 2016, Giudice dott.ssa Anna Caputo.pdf)Sentenza n. 1224 del 2016, Giudice dott.ssa Anna Caputo.pdf 755 kB

“Deve inoltre pronunciarsi, in conformità al principio generale implicitamente desumibile dall'art. 337 quater c.c. e in assenza di ragioni ostative, l'affidamento condiviso dello stesso …  L'attrice chiede che l'assegno gravante sul convenuto sia quantificato con decorrenza dalla nascita del minore. In altri termini, costei reclama non solo la determinazione, per il futuro, della prestazione cui è tenuto il padre, ma anche la refusione, pro quota, di quanto da lei speso, in passato, per i1 mantenimento del figlio … Nel caso di specie, l'attrice non ha fornito - salvo quanto si dirà appresso - puntuale dimostrazione degli esborsi da lei sostenuti per i bisogni del bambino …” (Tribunale di Castrovillari riunito in Camera di Consiglio – Sez. Civile,  Giudice Rel. dott. Guglielmo Manera, senza n. 736/2016).

Attachments:
FileDescriptionFile size
Download this file (Setenza n. 736 del 2016.pdf)Setenza n. 736 del 2016.pdf 3301 kB

Sottocategorie

"Il carattere contingibile ed urgente dell’ordinanza di affidamento temporaneo del servizio di RSU, emanata dal Sindaco nella sua qualità di organo avente extra ordinem, in ragione della recipua esigenza di scongiurare il gravissimo pericolo per la salute e l’igiene pubblica scaturente dalla mancata raccolta dei rifiuti e tale, quindi, da escludere, o, meglio, da sospendere l’applicazione dell’art. 6 CCNL settore “Igiene Ambientale” (Tribunale di Rossano (collegiale), sez. lavoro, ordinanza emessa in data 11.01.2011, Giudice rel. est. dr. G. Labonia).

Questo sito utilizza cookie tecnici per il suo corretto funzionamento. Leggi l'informativa estesa