“… in caso di incidente avvenuto su strada pubblica, il danneggiato che domanda il risarcimento del pregiudizio sofferto in conseguenza dell'omessa o insufficiente manutenzione delle strade o di sue pertinenze, invocando la responsabilità della P.A., è tenuto, secondo le regole generali in tema di responsabilità civile, a dare la prova che i danni subiti derivano dalla cosa, in relazione alle circostanze del caso concreto. Tale prova consiste nella dimostrazione della verificazione dell'evento dannoso e del suo rapporto di causalità con la cosa in custodia; tale prova può essere data anche mediante presunzioni, giacché la verificazione del danno è, di per sé, un concreto indice della sussistenza di una situazione “anomala”, e cioè dell'obiettiva deviazione dal modello di condotta improntato ad adeguata diligenza che normalmente evita il danno, non essendo il danneggiato viceversa tenuto a dare la prova anche della presenza di un'insidia o di un trabocchetto — estranei alla responsabilità ex art. 2051 c.c. o dell'insussistenza di impulsi causali autonomi ed estranei alla sfera di controllo propria del custode o della condotta omissiva o commissiva del medesimo…” (Tribunale di Rossano, Sez. Civile , sentenza n. 376 del 20.10.2012, G.I. dott. Ambrogio Colombo).

Attachments:
FileDescriptionFile size
Download this file (ApplicabilitaDellart_093506.pdf)ApplicabilitaDellart_093506.pdf 230 kB

“… sussiste la giurisdizione del giudice ordinario qualora – come nel caso di specie – il dipendente faccia valere la responsabilità extracontrattuale della pubblica amministrazione, lamentando la lesione all’integrità psico-fisica a cagione del comportamento vessatorio dei colleghi e superiori e chiedendo il risarcimento del danno biologico … omissis … Tale illegittimo comportamento posto in essere dall’Amministrazione convenuta quanto meno colposamente, e cioè malgrado la conoscenza del provvedimento adottato dal Presidente della Repubblica, si è risolto in un illecito che per le gravi ripercussioni che ha avuto sul diritto alla salute dell’attore (c.d. danno biologico) appare meritevole di risarcimento. Di conseguenza l’attore deve essere risarcito a titolo di danno biologico, ossia per la menomazione della integrità psicofisica della persona in sé considerata, in quanto incidente sul valore uomo in tutta la sua concreta dimensione, che non si esaurisce nella sola attitudine a produrre ricchezza, ma si collega alla somma delle funzioni naturali afferenti al soggetto nell’ambiente in cui la vita si esplica ed aventi rilevanza non solo economica, ma anche biologica, sociale, culturale ed estetica …” (Tribunale di Catanzaro, Sez. I° Civile, sentenza n. 554/2013, G.I. dr.ssa Anna Maria Raschellà).

Attachments:
FileDescriptionFile size
Download this file (RisarcitoUnIspettore_095609.pdf)RisarcitoUnIspettore_095609.pdf 1201 kB

“… le questioni di nullità del procedimento amministrativo qui dedotte dovevano essere fatte valere avanti all’AGA sussistendo difetto di giurisdizione di questa AGO; nulla, infatti, - per quanto in atti – ha opposto in corso di procedura il Comune che ha nominato il proprio tecnico che ha regolarmente partecipato alle operazioni e sottoscritto la relazione di stima qui opposta. Con unica censura di merito il Comune opponente si duole della insufficiente valutazione dell’indice di abbattimento del valore dell’immobile rappresentato dalla vetustà …”. (Corte di Appello di Catanzaro, III Sezione Civile, Sentenza n. 787 del 7 giugno 2012, Consigliere Est. dott.ssa Claudia De Martin).

Attachments:
FileDescriptionFile size
Download this file (EspropriazionePerPub_093032.pdf)EspropriazionePerPub_093032.pdf 3472 kB

“In materia di lavoro, la perdita della retribuzione, determinata dalla cessazione del rapporto di lavoro, può essere fonte di un grave danno per l’avente diritto, qualora sia dimostrato che quest’ultimo non abbia altri mezzi di sussistenza o qualora, a causa di spese indifferibili che sia costretto a sostenere, sia adeguatamente allegato che eventuali altre risorse non siano in ogni caso sufficienti a far fronte a tali oneri e a garantire al contempo un’esistenza libera e dignitosa. Nel caso in esame, il requisito del pregiudizio grave e irreparabile non è stato dimostrato” (Tribunale di Rossano, Sez. Lav., ordinanza del 21.07.2012, Giudice del Lavoro dott.ssa Debora Angela Ferrara).

Attachments:
FileDescriptionFile size
Download this file (RicorsoExArt700CpcFerrara.pdf)RicorsoExArt700CpcFerrara.pdf 647 kB

“… La produzione documentale in atti accerta l’esistenza di una recinzione con pali metallici senza realizzazione di specifiche opere murarie: ciò è sufficiente per ritenere non necessaria l’autorizzazione preventiva da parte dell’Ente proprietario della strada limitrofa …”. (Giudice di Pace di Rossano, dr. Domenico Monaco, sentenza n. 370/12, emessa in data 28.05.2012).

Attachments:
FileDescriptionFile size
Download this file (RecinzioneInPaliERet_193906.pdf)RecinzioneInPaliERet_193906.pdf 630 kB

Sottocategorie

"Il carattere contingibile ed urgente dell’ordinanza di affidamento temporaneo del servizio di RSU, emanata dal Sindaco nella sua qualità di organo avente extra ordinem, in ragione della recipua esigenza di scongiurare il gravissimo pericolo per la salute e l’igiene pubblica scaturente dalla mancata raccolta dei rifiuti e tale, quindi, da escludere, o, meglio, da sospendere l’applicazione dell’art. 6 CCNL settore “Igiene Ambientale” (Tribunale di Rossano (collegiale), sez. lavoro, ordinanza emessa in data 11.01.2011, Giudice rel. est. dr. G. Labonia).

Questo sito utilizza cookie tecnici per il suo corretto funzionamento. Leggi l'informativa estesa